Venice Cube

rivista online italiana

Come fare la manutenzione della pentola a pressione

La pentola a pressione è un utensile molto utile in cucina, alleata in particolare dei regimi alimentari ipocalorici conditi da un pizzico di praticità. Consente difatti, di poter cuocere gli alimenti al vapore ad una superiore pressione rispetto quella ambientale, diminuendo così molto i generici tempi di cottura.

La pentola a pressione è del tutto analoga alle pentole classiche, con due principali diversità: le pareti maggiormente spesse, di acciaio inossidabile oppure in allumino pesante, ed il coperchio che va a garantire una chiusura ermetica ed anche l’eventuale sfogo di vapori eccessivo mediante l’apposita valvola. Nel coperchio c’ è una guarnizione in gomma che permette l’adesione perfetta ai bordi della pentola, un dispositivo, di solito una leva metallica, per l’ermetica chiusura, e un paio di valvole che consentono di far uscire il vapore eccessivo raggiunta la massima pressione. Ecco sul sito qui tutte le relative informazioni.

Come pulire la pentola  a pressione?

E’ consigliabile lavare la pentola in base alle proprie abitudini, utilizzando l’accortezza di riporla priva di coperchio così da non compromettere la sua tenuta, evitando il ristagno di odori cattivi, qualora si sviluppassero sarà sufficiente far bollire un po’ di acqua e aceto per alcuni minuti.
La valvola di esercizio dovrà essere pulita in seguito a ciascun lavaggio, svitandola e liberandola da quelli che sono gli accumuli di sporcizia; per potersi assicurare della sua efficienza si dovrà poter soffiare in modo libero nel forellino. Nell’operazione ci si potrebbe aiutare mediante l’uso di uno spazzolino duro ed un po’ d’aceto, o con l’uso di un ago in caso di incrostazioni rilevanti. Tale sicurezza richiede meno attenzioni, basterà verificare durante ciascun lavaggio che il tappo di gomma sia espulso senza ostacoli, dunque che non vi ristagni attorno tanta sporcizia. Periodicamente dovrà essere estratta, lavata con acqua corrente ed anche lubrificata con l’uso di olio commestibile per favorire il re-inserimento.
Per quanto riguarda invece, le guarnizioni in gomma del coperchio dovranno essere preservate da detergenti molto aggressivi, che potrebbero rovinarle, lo stesso vale per le spugnette abrasive, che vanno evitate perchè potrebbero danneggiare gli interni della pentola. Per incrementare la durata della guarnizione è consigliabile ungerla con l’uso di grasso da cucina, in seguito a ciascun utilizzo, almeno una volta al mese. Diversamente dalla pentola, il coperchio e la sua guarnizione non vanno lavati in lavastoviglie. Di solito, se ne sconsiglia la sostituzione  circa ogni 400 ore di funzionamento, visto che con il passare del tempo tenderà a perdere la sua importante capacità ermetica.