Venice Cube

rivista online italiana

Seggiolini del gruppo 0 : il primo acquisto per il neonato

Quando portiamo a casa dall’ospedale il nostro bimbo appena nato, dobbiamo di sicuro andare a scegliere un seggiolino adatto. I seggiolini auto del Gruppo O sono diciamo i primi dispositivi da utilizzare per il trasporto del bimbo in macchina fin dalla sua nascita. Quindi è bene ricordare in questo articolo che il neonato non deve essere tenuto in auto in braccio in auto, la normativa è molto chiara in merito, nemmeno se questi ha un’ora di vita. La legge emessa dalla Commissione europea stabilisce i vari criteri di scelta del seggiolino sostanzialmente in base al peso, nel caso siano seggiolini omologati secondo la ECE-R44. Oppure è possibile differenziare i vari modelli in base all’altezza, se invece sono seggiolini omologati I-Size o ECE-R129.
Il Gruppo O fa parte alla tipologia di seggiolini che sono suddivisi per peso e vengono di base distinti in 5 gruppi. Il primo di questi, è quello 0, ossia le navicelle che arrivano anche fino ai 10 kg.
Infatti il gruppo O è conosciuto anche con il nome di navicelle perciò, ed è il primo dispositivo da acquistare per il vostro bambino, per legge è obbligatorio dalle prime fasi di vita fino ad un peso di 10 Kg. I seggiolini del Gruppo O devono sostanzialmente essere agganciati al sedile posteriore della vettura tramite i vari accessori e gli strumenti di sicurezza che vengono forniti e che sono quindi integrati al dispositivo molto spesso. Se non doveste trovare tutti gli strumenti occorrenti andranno acquistati a parte a seconda del modello prescelto. Il seggiolino deve inoltre essere installato in modo trasversale al senso di marcia.
La navicella è tutto sommato possiamo dire una ‘sorta di culla’ con delle specifiche cinture interne, l’imbottitura sui lati e nella parte superiore pensata per meglio avvolgere le parti più delicate del neonato. Abbiamo anche il riduttore che consente di adattare la struttura alla lunghezza del neonato, assicurandolo con le cinture a spalla e uno spartigambe. La struttura della navicella è stata ideata e progettata proprio per consentire al neonato di viaggiare sdraiato, quindi andando a tutelare la sua naturale postura dei primi mesi.